In arrivo il nuovo Asian Film Festival dal 7 aprile al 13 aprile a Roma

Il Farnese Arthouse di Roma nella sua incantevole dimora in Campo de’ Fiori ospiterà a partire da giovedì 7 aprile a mercoledì 13 aprile 2022 la diciannovesima edizione di Asian Film Festival, la rassegna dedicata al migliore cinema d’autore di origine asiatica, organizzata da Cineforum Robert Bresson e diretto da Antonio Termenini.

Il Festival di carattere internazionale presenterà 30 lungometraggi provenienti da 8 paesi dell’Estremo Oriente (Cina, Corea del Sud, Filippine, Giappone, Hong Kong, Singapore, Taiwan, Thailandia), spaziando tra prodotti arthouse e di genere, con una particolare attenzione per gli esordi e i giovani registi, proposti nella ricca sezione Newcomers.

© Moonlight Shadows

Quest’anno, dal Giappone, verranno presentati una serie di importanti film; tra questi, The Mule Song Final e The Great Yokai Wars: Guardians (sequel di The Great Yokai War, 2005), entrambi firmati dal maestro Takashi Miike, e Moonlight Shadows, basato sull’omonimo romanzo di Banana Yoshimoto e diretto dal pluripremiato Edmund Yeo. Il film capolavoro interpretato da Nana Komatsu racconta la storia Satsuki, una giovane donna che perde improvvisamente il suo amante e non essendo in grado di superare la sua morte si aggrappa all’unica speranza di poterlo sentire ancora vicino con il misterioso fenomeno del Moonlight Shadow, ossia il momento tramite cui si può incontrare un non vivente al termine del plenilunio.

Dedicato sempre all’elaborazione del lutto è anche Tsuyukusa, il nuovo film del regista Hideyuki Hirayama. Del rinomato regista Takahisa Zeze sarà invece presente In the Wake, di genere crime. Di particolare interesse è invece il film Hokusai, diretto da Hajime Yashimoto e basato sulla vita di Katsushika Hokusai, il più celebre pittore giapponese del mondo, conosciuto principalmente per le sue opere in stile ukiyoe.

Nel corso del Festival verranno inoltre presentati film provenienti dalle Filippine, quali On the Job: The Missing 8, thriller diretto da Erik Matti e già in concorso alla scorsa edizione del Festival di Venezia, dove ha vinto il premio per il miglior attore. Di Brillante Mendoza, tra i più importanti e premiati registi filippini, saranno invece presentati i due nuovi lungometraggi intitolati Gensan Punch, la storia vera e sofferta di un pugile limitato da una disabilità fisica, e Rasbak, racconto di violenza e vendetta di un giovane ladro nei confronti del suo spietato capo.

Altri film importanti presenti in questa edizione del festival saranno il film giapponese Somebody’s Flowers, firmato da Yusuke Okuda, e Anita, di Longman Leung, incentrato sulla vita della celebre cantante e attrice Anita Mui, amata per il suo potere dissidente e dissacratore nei confronti del perbenismo e delle facciate di costume. A Londra si parlò di lei come della Madonna asiatica ma un cancro la finì nel pieno del suo bagliore, a quaranta anni.

Il dramma familiare torna invece protagonista con Three Sisters, del sudcoreano Lee Sungwong. Completano il programma opere di registi esordienti come i cinesi You Zhou, con The way back in the mirror e Tang-yu Qiang con il dramma The Wheat e ancora Yunbo Li con Ms. Pearl e, per finire, Qi Rui, con The Day Is Over.

Dalla Corea del Sud arriva Lee Ran-hee con l’opera prima A Leave, mentre dalle Filippine proviene Daniel Palacio e la sua opera seconda dal titolo The Brokers.

Brillante Mendoza

Tra gli ospiti attesi e confermati al momento saranno presenti il regista Brillante Mendoza, premio alla regia nel 2009 con il film Kinatay, e l’attore Vince Rillon.

Nel corso della sua quasi ventennale attività Asian Film Festival si è dimostrato una vetrina sul miglior cinema d’autore dei paesi dell’Estremo Oriente. Insieme a proiezioni di film inediti, ha organizzato anche numerose retrospettive dedicate ai maestri, ospiti di gala del Festival nelle passate edizioni.

Nel dettaglio

Anche quest’anno, inoltre, l’Asian Film Festival ospiterà all’interno della sua  programmazione delle giornate speciali interamente dedicate ad alcune delle cinematografie asiatiche. In particolare, venerdì 8 aprile si terrà, in collaborazione con l’Ambasciata della Thailandia e il Tourism Board della Thailandia, il Thailand Day.  Nel corso di questo evento verranno presentati i film The Edge of Daybreak di Taiki  Sakpisit, Come Here di Anocha Suwichakornpong, The Medium di Banjong Pisanthanakun e Anatomy of Time di Jachavral Nilthamrong. 

Grazie alla collaborazione con l’Istituto di Cultura Coreano di Roma, sabato 9 aprile si terrà invece il Korean Day, una giornata interamente dedicata al cinema sudcoreano in cui verranno presentati i film The Day Is Over di Qi Rui, Mom’s Son di  Dong-min Shin, A Leave di Lee Ran-hee, Rolling di Min Seung-kwak e Three Sisters di Seung-Won Lee. Fanno parte del programma anche i cortometraggi Last Meal e Mother In The Mist. 

Domenica 10 aprile, con il patrocinio dell’Istituto di Cultura Giapponese di Roma, si  svolgerà invece il Japan Day. Nel corso di questo verranno presentati i film Somebody’s Flowers di Yusuke Okuda, Tsuyukusa di Hideyuki Mirayama, Moonlight  Shadow di Edmund Yeo, Hokusai di Hajime Hashimoto e In The Wake di Takaisa  Zeze. 

IL PROGRAMMA

Giovedì 07 aprile 2022 

15:00 Reunion Dinner (Ong Kuo Sin, Singapore, 2022, 90’) N – Ah Ma è un’anziana che vive da sola nonostante soffra di demenza, il suo unico desiderio è quello  rivedere la sua famiglia unita, che sembra invece averla dimenticata. L’esordio alla  regia di Danielle Wei Koh ci porta in uno dei più grandi timori umani: l’abbandono.  Un film elegante e scarno, dalle tinte drammatiche. Anteprima Italiana 

16:45 Ms. Pearl (Yunbo Li, Cina, 2020, 98’) N – Quando Ms. Pearl scopre che sua madre è malata di cancro decide di organizzare incontri al buio per trovare  finalmente un uomo adatto a lei ed esaudire così l’ultimo desiderio della madre,  ovvero quello di vedere la propria figlia felicemente sistemata. Anteprima italiana 

18:30 Big Night (Jun Robles Lana, Filippine, 2021, 96’) C – Dharna è sulla lista dei sospettati tossicodipendenti, in un solo giorno dovrà trovare il modo di dimostrare la  sua innocenza. Un film che unisce toni da commedia con il ritratto della corruzione  del governo filippino. Dal regista Jun Robles Lana, già premiato nell’edizione 2020  con Kalel, 15. Precede la proiezione il cortometraggio The Season Cuckoo Sings 

(Cina, 2021, 21’) Anteprima italiana 

21:15 The Mole Song: Final (Takashi Miike, Giappone, 2021, 129′) FC – Ultimo capitolo della pazza saga diretta dal sublime Takeshi Miike. Il poliziotto Reiji questa volta  dovrà infiltrarsi nella più grande organizzazione yakuza del Giapponese e  intercettare un giro d’affari da milioni di yen. Anteprima italiana

Venerdì 08 aprile 2022 

THAYLAND DAY

15:00 The Edge of Daybreak (Taiki Sakpisit, Thailandia, 2021, 115’) C – Il percorso dolente e pieno di sofferenze dell’animo di due donne attraverso trent’anni di storia  thailandese in un film tagliente in bianco e nero. 

17:15 Come Here (Anocha Suwichakornpong, Thailandia, 2021, 69’) C – Una gita tra quattro amici sembra non avere niente di speciale, ma a volte basta uno specchio  d’acqua per cambiare prospettiva. Anteprima italiana 

18:30 The Medium (Banjong Pisanthanakun, Thailandia, 2021, 130’) FC – Direttamente dalla Thailandia, un horror incentrato sull’angoscia e la paura di un gruppo di giornalisti costretto a fare i conti con sciamani e società primordiali.  Anteprima europea 

21:00 Anatomy of Time (Jakraval Nilthamrong, Thailandia, 2021, 117’) C – Ambientato nella Thailandia degli anni ’60, il film attraversa la storia d’amore di Maem, una giovane ragazza con il cuore diviso tra due uomini. Una riflessione  profonda sul significato del tempo affacciata su un background politico  thailandese difficile e tortuoso. 

Sabato 09 aprile 2022 

 KOREAN DAY 

14:30 The Day Is Over (QI Rui, Cina, 2020, 108’) C – Offesa da una lettera ingiuriosa, una ragazza decide, insieme alle sue amiche del cuore, di andare a cercare suo  padre in città. Il viaggio, però, sarà reso complicato da una serie di imprevisti, dai  quali le giovani non si lasceranno scoraggiare.  

16:30 Mom’s Son (Shin Dong-min, Corea del Sud, 2020, 73’) C – Il film descrive la vita di una donna forte che, all’interno della società coreana contemporanea, deve  destreggiarsi e saper affrontare le difficoltà che le si presentano. Un viaggio  attraverso la spiritualità e il silenzio. Anteprima italiana 

17:45 A Leave (Lee Ran-Hee, Corea del Sud, 2020, 81’) N – In una società in cui la produttività ha più valore della vita umana, Jae-bok lotta per i diritti dei lavoratori,  mettendoli al primo posto anche rispetto al diritto delle proprie figlie di avere il padre  con sé. Precede la proiezione il cortometraggio Last Meal (Taiwan, 2021, 25’)  Anteprima italiana 

19:45 Rolling (Kwak Min-Seung, Corea del Sud, 2021, 75’) C – Una madre amorevole, un locale di kimbap ed un cerotto; sono per Ji-roo gli ingredienti giusti per una vita  dal gusto inaspettatamente nuovo. Precede la proiezione il cortometraggio Mother  In The Mist (Cina, 2021, 21’) Anteprima europea 

21:30 Three Sisters (Lee Seung-won, Corea del Sud, 2020, 115’) C – Tre sorelle vivono le loro caotiche vite intrattenendo sporadici rapporti telefonici e incontri spesso  imbarazzanti. Il compleanno del padre sarà un’occasione per rincontrarsi, ma un  inaspettato evento farà degenerare velocemente la situazione. 

Domenica 10 aprile 2022 

 JAPAN DAY

14:00 Somebody’s Flowers (Yusuke Okuda, Giappone, 2021, 115’) N – A causa di un evento drammatico, il giovane Takaaki, a cui è stato strappato il fratello in un  incidente, sarà costretto ad affrontare nuovamente i dolori del lutto. Anteprima  europea 

16:00 Tsuyukusa (Hideyuki Mirayama, Giappone, 2022, 95’) C – Una donna e un  bambino, due vite diverse ma legate dallo stesso dolore. Un viaggio difficile che descrive la speranza dei due protagonisti. La felicità è dietro l’angolo, bisogna solo  saperla trovare. Anteprima mondiale 

17:40 Moonlight Shadow (Edmund Yeo, Giappone, 2021, 92’) C – Un film delicato e  surreale che esplora il dolore della perdita e della vita dopo la morte attraverso un  misterioso fenomeno che si verifica durante la luna piena. Tratto dall’omonimo  romanzo di Banana Yoshimoto. Anteprima europea 

19:15 HOKUSAI (Hajime Hashimoto, Giappone, 2021, 129’) C – Sebbene il governo  decida di censurare ogni forma d’arte, il giovane pittore Hokusai è deciso a  continuare la creazione delle proprie opere, in rappresentanza della sua più  profonda essenza interiore. La vita dell’artista leggendario che ha ispirato Van  Gogh e Monet. Anteprima italiana 

21:30 In The Wake (Takahisa Zeze, Giappone, 2021, 134’) C – A distanza di nove anni  dal grande disastro del Tohoku, il detective Tomashino si trova alle prese con un  caso di omicidio seriale che lo riporta a quei giorni nefasti. Una critica al sistema  amministrativo nipponico racchiuso in un thriller mozzafiato, diretto dal regista di  culto Takahisa Zeze. Anteprima europea 

Lunedì 11 aprile 2022 

15:00 The Way Back In The Mirror (Yu Zhou, Cina, 2021, 96’) N – Nella Guangzhou del  XXI secolo, Xu deve affrontare le difficoltà della vita che gli serviranno da  insegnamento per il futuro. La forza di un uomo che, nonostante le avversità della  vita, riesce a guardare oltre e a superare ogni ostacolo. Anteprima europea 

17:00 The Wheat (Tang Yu-qiang, Cina, 2021, 96’) C – Nella Cina rurale, una donna,  lasciata sola dal marito, trasferitosi nella megalopoli per lavoro, si rifugia tra le  braccia di un uomo sposato. La dispotica moglie di lui farà di tutto per separarli, non  pensando però alle conseguenze. Anteprima europea 

18:45 Love After Love (Ann Hui, Hong Kong, 2020, 144’) C – La giovane ed umile Ge  Weilong decide di andare a trovare la zia benestante ad Hong Kong sperando di  ottenere un aiuto economico per continuare i suoi studi; l’incontro tra questi due  mondi non sarà così facile. 

21:15 Anita (Lok Man Leung, Hong Kong, 2021, 137’) C – Tra grandi successi,  attivismo, incontri e difficoltà, la storia della celebre attrice e cantante pop Anita  Mui raccontata in un’opera biografica intensa e toccante. Anteprima europea 

Martedì 12 aprile 2022  

15:00 The Falls (Chung Mong-hong, Taiwan, 2021, 129’) C – Durante la pandemia, la  relazione tra una madre e la figlia adolescente diventa quantomai tesa quando si  trovano a dover passare insieme la quarantena nel loro appartamento. Costrette  tra quattro mura, avranno modo di riflettere sul loro rapporto passato e presente. The Falls è stato scelto per rappresentare Taiwan agli Oscar 2022. Anteprima italiana 

17:15 The Brokers (Daniel Palacio, Filippine, 2021, 107’) N – Daniel Palacio ci trasporta  in una Manila al centro di intrighi, affari e potere, che sarà lo sfondo per la vicenda  di un giovane agente immobiliare, disposto a tutto per salvare la propria carriera. Anteprima europea 

19:15 Resbak (Brillante Mendoza, Filippine, 2021, 105’) C – La vita del giovane Isaac  si intreccia in una lotta per la sopravvivenza a suon di rap battle. Sullo sfondo delle  elezioni del Sangguniang Kabataan, Brillante Mendoza lancia una forte critica alla  malavita e alla corruzione politica presente nelle Filippine. Anteprima europea 

21:15 Gensan Punch (Brillante Mendoza, Filippine, 2021, 110’) FC – Diretto dal  pluripremiato Brillante Mendoza, il film è liberamente ispirato alla storia vera di Nao,  un pugile giapponese mutilato, fin dalla nascita di una gamba. Combattivo sia sul ring che nella vita, egli farà di tutto pur di poter praticare la disciplina dei suoi sogni.  Anteprima europea 

Mercoledì 13 aprile 2022 

15:00 Tion Bahru Social Club (Tan Bee Thiam, Singapore, 2020, 88’) N – Il trentenne Ah Bee vive una vita monotona con la madre. Dopo essere stato licenziato, si iscrive  al Tiong Barhu Social Club per riorganizzare la sua esistenza. Ben presto egli scoprirà  che sotto la patina del progresso, qualcosa non sta andando per il verso  giusto. Anteprima italiana 

16:45 On the Job, the Missing 8 (Erik Matti, Filippine, 2021, 204’) C – Dopo 8 anni Erik  Matti realizza il sequel di “On the job” (2013). Un thriller poliziesco che attraverso gli  occhi di personaggi ben definiti, mostra verità che la stampa spesso omette. Un film  tratto da eventi realmente accaduti che porterà gli spettatori in un viaggio tra  politici gangster, giornalisti corrotti e detenuti sicari. 

20:45 Cerimonia di premiazione, a seguire The Great Yokai War Guardians (Takashi  Miike, Giappone, 2021, 118′) FC – Folclore giapponese e Takashi Miike, una garanzia  per il successo. Battaglie, nuove amicizie, coraggio ma soprattutto la famiglia  saranno la cornice e lo stimolo di una grande forza interiore. Anteprima europea 

23:00 Late Night Ride (Koh Chong Wu, Singapore, 2021, 80’) N – Cosa potrebbe  andare storto quando si fa un giro a tarda notte? Tre storie, a bordo di tre mezzi di  trasporto differenti, si intrecciano tra di loro, in un horror ambizioso che tiene lo  spettatore con il fiato sospeso. Anteprima europea 

Per maggiori informazioni e contenuti consultare il sito ufficiale (in continuo aggiornamento):


Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche Gribouillage / Scarabocchio in mostra a Villa Medici.

Per ricevere sempre i migliori aggiornamenti, gli approfondimenti, le recensioni sulle ultime novità musicali e letterarie, articoli su monografie e interviste esclusive, iscriviti alla nostra newsletter. Inserisci la tua email, al resto ci pensiamo noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...