Un pezzo poi mancava sempre

di Pinakos

Io di qua, Tu di là
Un collare a strozzo
Stretto ai nostri miserabili cuori.

Eri il mio mastino da tenere a cuccia.
Ero il tuo animale
Da sfamare con un pezzo di carne viva

Poi mi deformavi
In un eterno simulacro 
Brillante e delicato
La Madonna incastonata 
Nell’edicola del tuo cervello.

Io di qua, Tu di la
A giocare con la mente
Ignorando quanta cura 
Necessita un amore
Ché lasciare andare
Rende liberi di vivere, 
Di tornare ad amare

Restavamo su un divano
Attorcigliati ai nostri pensieri
Prigionieri di un mondo possibile
Di un’ipotesi perfetta
Di un vorrei ma non posso
Di questi corpi 
Senza piedi
Senza occhi
Con le mani che cercavano
Con le lingue troppo sciolte
Sospesi nel capriccio di un’illusione
Che è solo degli innamorati.

Non c’era tempo dentro gli orologi
Non c’era spazio oltre quel letto
Che agognavamo di condividere

Non c’eravamo noi
Tornavamo a esser altro
Ciascuno alla propria vita
Un pezzo poi mancava sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...